Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

La dimensione estetica di Katana ZERO

Abbiamo già percorso questi quadri, siamo già stati gli (anti)eroi di queste visioni.

È difficile voler male a Katana ZERO. Immerso in una overdose di luci al neon, abbagli notturni ed estetica neo-noir, è il classico prodotto che s’adatta al meglio allo spirito del tempo e del decennio. Il gioco è infatti un miscuglio di influenze e rimandi che sguazzano tra la crisi della memoria rivangata ad ogni pie’ sospinto (si pensi alla parabola mnemonica di Memento e Inception) e l’estetizzazione della violenza più pura (che va dalla ripresa citazionista del Kill Bill di Tarantino a diversi decenni di action movie occidentali e orientali, lungo entrambi gli assi temporali; nonché diverse tonnellate di produzioni a fumetti e d’animazione).

Il risultato, sotto il profilo strettamente videoludico, ha il passo maniacale e rapidissimo d’un Hotline Miami versato nell’impugnare la katana del titolo. E una progressione vicina all’abbozzo più semplice e lineare possibile d’un metroidvania all’acqua di rose. Il protagonista del gioco, un killer-samurai smemorato, traumatizzato e regolarmente dedito all’uso medicamentoso di sostanze, non fa altro che infestare i quadri a scorrimento orizzontale sventrando e lacerando ogni nemico sulla sua strada con l’ausilio dei nostri comandi. Il suo compito viene facilitato dagli ordini anonimi esercitati in busta chiusa, con la mano complice d’uno psichiatra a fare le veci del padre-padrone e un portato amnesico che facilita, e complica, il tutto.

Katana ZERO (Fonte: screenshot)

L’utilizzo delle sostanze gli permette poi di ragionare e pensare alle proprie mosse in anticipo, e questo si traduce in termini di gameplay in un’accorta (benché un po’ sempliciotta) gestione dello spazio e dei tentativi di portare a termine ogni quadro o missione. A ogni fallimento e riuscita possiamo infatti rivedere l’iter che ci ha portati al nostro risultato in un rewind mnemonico tanto affascinante quanto ahinoi poco utile.

Permettendoci poi di riprovare qualora avessimo fallito: proprio come se il nostro protagonista stesse immaginandosi l’esito del combattimento nel suo particolare palazzo della memoria e dell’immaginazione. Di fatto, un puro trial & error. Tuttavia, questo, così come altri trucchetti narrativi ed estetici, consentono al giocatore di immergersi nel mondo del gioco con la giusta dose d’immedesimazione e piacere non banali. Inoltre, dà l’occasione di ragionare su questioni inerenti la gestione della violenza e del controllo del tutto avvicinabili ai territori tematici del già citato Hotline Miami.

A far la differenza qualitativa del titolo è comunque la gestione chirurgica dei movimenti del Nostro, unita a un’estetica tutt’altro che originale ma di sicuro impatto. È per questo, infatti, che nonostante alcune debolezze strutturali, una certa brevità dell’esperienza e un territorio di gioco già visto ed esperito innumerevoli volte, il titolo si lascia godere con un piacere a tratti persino sconcertante. Motivo per il quale vale la pena sottolineare quanto sia proprio la dimensione estetica a innestare la marcia in più necessaria a far fruttare la sostanza del gioco. E qui bisogna fare un passo indietro.

Katana ZERO (Fonte: screenshot)

Siamo nel pieno del secolo scorso, e un pugno di registi stanno rilanciando con forza il thriller e l’action movie sui generis, innestando in pieno nella dimensione filmica la realtà quotidiana e forzando la critica sociale verso la dimensione antropologica urbana che s’evidenzia nel vivere contemporaneo. Di fatto, con la scusa del vecchio gioco tra crimine e legge si scava a fondo nell’animo umano e nella società moderna. Da questo fortunato scontro nasceranno pellicole facilmente riassumibili come capolavori del cinema d’ogni tempo e luogo, e registi che, a partire dall’ambito televisivo, ridefiniranno poi interi mondi con la forza delle loro visioni.

Pensiamo a Walter Hill e ai suoi The Driver, Streets of Fire e The Warriors, a Michael Mann e Manhunter, The Thief, Collateral, Miami Vice e miscellanea avanzata (persino Dario Argento, o Errol Morris) che porta fino ad oggi, tra un John Wick e l’estetismo di Nicolas Winding Refn, definendo così, di fatto, il cinema contemporaneo nelle sue principali coordinate fotografiche e visive.

È proprio in questa congiuntura visuale che si delinea al meglio la carica immaginifica di questi ed altri film. E proprio qui si delinea un’astrattezza di forme, colori e fotografia che finirà per accogliere al massimo grado lo spirito della contemporaneità tutta. Non è un caso che una pellicola dirimente per il cinema e per l’immaginario contemporanei, quale Blade Runner, e i libri maggiori del filone cyberpunk, vadano a innestarsi proprio tra questi neon e questa palette di colori fluo ma notturni. In questa soglia si muove il presente.

Tra questi orizzonti, anche storytelling, gameplay ed estetica di Katana ZERO diventano un tutt’uno e ci trovano del tutto complici. Abbiamo già percorso questi quadri, siamo già stati gli (anti)eroi di queste visioni. Ci muoviamo a quelle velocità, dentro quei mondi ideali e coloratissimi. L’immedesimazione è totale non perché abitiamo le vesta di un personaggio, ma perché incarniamo e siamo incarnati in queste forme estetizzate, stilizzate e sublimi. È il nostro principale paesaggio mentale. Una transitorietà permanente al sapore di neon e notti illuminate dall’altrove cinematografico.